Celebrazione Eucaristica in suffragio di Madre Maria Teresa

Celebrazione Eucaristica in suffragio di Madre Maria Teresa

Davanti alle spoglie mortali di Madre Maria Teresa De Giglio e alla sua figura di religiosa fedele e generosa, nel Vangelo di oggi vediamo in controluce la testimonianza e le opere della carissima Madre Teresa, a cui diamo oggi, nella fede, il nostro riconoscente saluto. E’ un Vangelo che parla a tutti noi. Parla, in particolare a me sacerdote, a noi sacerdoti, a voi Suore Francescane dei Sacri Cuori, alle altre religiose presenti. Gesù rivolge un appello, chiama alla Libertà e alla “sequela”. Egli ha bisogno di persone generose che ascoltino la chiamata e rispondono col dono di sè, come Madre Maria Teresa.
E chi è Madre Maria Teresa?
Nacque a Caianello l’11 dicembre 1930. Al battesimo ricevette I nomi di Michelina, Concetta, Nicolina. A 23 anni sentì la vocazione e bussò alle porte della Congregazione delle Francescane dei Sacri Cuori. Le fu dato il nome di Maria Teresa. La sua formazione si svolge qui a Capua: noviziato nel 1953, prima professione il 4 ottobre 1954, quattro anni dopo la professione perpetua il 4 ottobre 1958, quasi 66 anni di vita religiosa.
Inoltre il Vangelo di oggi ci ha offerto anche l’identikit dell’uomo celeste, della persona che appartiene al mondo futuro e che già lo anticipa su questa terra, con la consacrazione religiosa. Madre Maria Teresa ne è stata un appassionato modello.
Con la sua consacrazione e col suo apostolato, sentiva l’urgenza di portare la missione di salvezza di Gesù. Emanava serenità e gioia. Donava pace e tranquillità a quanti erano accanto a lei. Aveva un forte senso del dovere da compiere. Non faceva opera di convincimento. Attraeva con la sua dolcezza, maternità, testimonianza.
Da consacrata, ci ha rivelato quale senso dare alla nostra vita terrena ed ha anticipato la bellezza del paradiso che ci aspetta.
Ora è giunta alla meta, vogliamo credere nella fede che per lei tutto si è svelato ed ha trovato il suo riposo eterno in Gesù. Sentiamo il dover di pregare per lei, domandare perdono per le sue mancanze ed anche sentiamo di esprimere profonda gratitudine a Maria Teresa per l’esempio che ci ha donato.
La Mamma Celeste, San Francesco, Santa Chiara, il venerabile P. Simpliciano ti accolgano e intercedano per te il dono della vita che non ha fine. Grazie, cara Madre Maria Teresa!

Mons. Tommaso Caputo
Vescovo di Pompei

Congregazione Suore Francescane dei Sacri Cuori

Piazza S. Francesco, 4,
81043 Capua (CE)
0823 961063
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.